Università degli studi di Genova



Blog a cura di Marina Milan, con la partecipazione di studenti, laureandi e laureati dei corsi di Storia del giornalismo e Giornalismo internazionale dell'Università degli studi di Genova (corso di laurea magistrale interdipartimentale in Informazione ed Editoria).

_________________

Scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie presenti nel sito.



30 giugno 2013

Nuovi scenari politici per l'Albania

Dagli anni '90 nello scenario politico albanese c'è sempre stato il partito democratico a guidare il governo. Il capo del partito democratico è sempre stato Sali Berisha, un uomo molto carismatico ma allo stesso tempo oserei definirlo un dittatore, egli ha sempre cercato di salire al potere con forza, violenza, con atti spregevoli. Durante il suo mandato all'ordine del giorno c'era sempre la corruzione, il suo unico strumento usato per ottenere ciò che ha ottenuto durante tutti questi anni. 
All'inizio la popolazione era illusa, voleva il cambiamento visto che l'Albania era appena uscita da 40 anni di dittatura comunista con a capo Enver Hoxha e cosi molti hanno dato il loro voto a Sali Berisha con la speranza di ottenere qualcosa in cambio, ma ciò che il popolo albanese ha avuto in cambio è stato solo delusione e rabbia. La situazione è sfuggita di mano quando lui lo scorso mandato ha fatto di tutto per arrivare al potere, e grazie ai suoi giochi di corruzione è riuscito. La situazione, si ripete, siamo arrivati al 23 di giugno, ogni albanese era stanco di vedere sempre lui, il dittatore che con gli altri e in primis con l'Unione Europea riteneva di essere aperto, democratico e liberale invece con il suo popolo era tutto il contrario. Quest'anno egli ha avuto un candidato molto forte, si tratta di Edi Rama, una personalità forte, intelligente, e direi molto in gamba che ha deciso di candidarsi come capo del governo con la speranza di dare una svolta definitiva al suo paese.
Nessuno di noi credeva che sarebbe riuscito, tutti avevamo paura che Sali Berisha, l'opposizione avrebbe ripetuto il comportamento di 4 anni fa, invece la gente si è svegliata, gli altri paesi hanno dato il loro contributo, l'Unione Europea ha mandato molti uomini a sorvegliare che le elezioni si svolgessero in modo regolare e che davvero ogni voto avesse il suo peso e non si commettessero cambiamenti di voti e liste. I risultati parlano chiaro, ad aver vinto è stato Edi Rama con il suo partito socialista, denominato “Rilindja” che significa proprio “Rinascita”, ma ciò che ha lasciato tutti di stucco, è il fatto che lui ha vinto con molto margine di distanza rispetto a Berisha. Certo è che domenica 23 giugno è stato un giorno pieno di tensione, visto nella mattinata è stato ucciso un uomo e ferito un altro ma oltre a questo c'era la speranza che qualcosa proprio quella domenica potesse cambiare, fortunatamente, mi viene da dire cosi lo è stato. Edi Rama sarà il Capo del Governo dell'Albania per i prossimi 4 anni. La gente è felice anche perché direi finalmente dopo alcuni anni è stato rispettato un diritto fondamentale, quello del voto. Ora non ci resta che vedere come Rama guiderà il nostro paese e speriamo che ci riesca in meglio, anche l'Albania dopo tutti questi anni bui si merita un cambiamento, una svolta decisiva che lo porti a migliorare in tutto e per tutto la sua situazione.
Xhonjela Milloshi

____

Nessun commento:

Archivio blog

Copyright

Questo blog non può considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62/2001. Chi desidera riprodurre i testi qui pubblicati dovrà ricordarsi di segnalare la fonte con un link, nel pieno rispetto delle norme sul copyright.